«

»

nov 15

Stampa Articolo

Nirvana raid – 2014 10 04-05 report di Federica Friz

nirvana raid 2014 (03)Corsa-mtb-corsa/trek-mtb-canoa-corsa-mtb-salitona su asfalto-cenina-dormita-mtb-corsa/trek-mtb-corsa/trek-mtb-corsa/trek per 2500m di dislivello positivo, ecco la successione di sport al Nirvana Raid 2014. Bello. Una gara ricca di cambi e di sport diversi che la rendono avvincente fino alla fine. Personalmente ero molto curiosa di partecipare visto che l’anno scorso non avevo potuto essere presente a causa di un problema al ginocchio che mi ha tenuto ferma per mesi. Ora il ginocchio non è ancora a posto, ma l’importante è che regga per la gara!

nirvana raid 2014 (02)

 

Partiamo. Finalmente una gara del Nirvana sotto il sole! La prima giornata è lunghissima. Si parte con un giro di corsa attorno al laghetto del Segrino per sgranare il gruppo e la raccolta di tutte le cartine necessarie per la gara nell’acqua del lago, si passa alla bici. La parte in mtb è intervallata da una parte di corsa che ci porta sotto uno splendido strapiombo roccioso e perfino in una caverna. La cosa più difficile e importante è la gestione delle numerose cartine (inclusa una del secolo scorso) e la definizione del percorso. Ci sono un sacco di lanterne da trovare. E il tempo è stretto. Le squadre sono da 2 e con il mio compagno Marcello Parmigiani ci divertiamo parecchio fino a quando io mi trovo sotto alla scarpata a lui sopra!

nirvana raid 2014 (08)

Poi ci ribecchiamo e proseguiamo con la mtb fino alla prova di canoa. Questo è lo sport a cui abbiamo dedicato parecchio tempo nel 2014. E infatti molliamo le bici saliamo in canoa e via di pagaiate. Il nostro tempo è stato eccezionale e siamo riusciti a superare un bel po’ di tempo sulle altre squadre. La lanterna più difficile è stata una posizionata SOTTO al livello dell’acqua, per cui si poteva trovare solo con una lettura attentissima della cartina. Via di pagaiate verso la base.

nirvana raid 2014 (10) fede mp canoa imbarco

Ora a piedi troviamo altre lanterne (anche se su una ci abbiamo perso un sacco di tempo a causa di un’incertezza sulla lettura della cartina ’800esca!… Rimontiamo in sella alle nostre bici…. e su, su su su su verso la vetta del monte Cornizzolo… 1000m belli sparati dopo 6 ore di gara che replicano un tratto di una delle precedenti edizioni e che ci eravamo sempre augurati di non dover mai riaffrontare. Una salita che quando pensi di essere arrivato ce n’è ancora un pezzo e poi un altro pezzo e ancora un altro, tutto intervallato da stretti e ripidi tornanti che bloccano la vista. Finalmente il rettilineo finale. Arriviamo al rifugio SEC dopo parecchie ore di gara e apprezziamo il cibo che ci ricarica di energie.

nirvana raid 2014 (18)

Dopo una bella dormita in tenda sotto alle stelle sulla cima del Monte Cornizzolo siamo pronti per la seconda giornata che è prevalentemente da fare a piedi. Anche la prima lunga parte segnata per mtb in realtà è un sentiero in alcuni tratti molto stretto, pieno di sassi taglienti su un fianco a volte ripido ed esposto. Un errore in bici non si può permettere, e cosi’ dopo un pezzo lunghissimo con bici in spalla optiamo per lasciare la bici per riprendercela al ritorno, anche se dobbiamo sacrificare il percorso completo. Il percorso di gara di oggi è lungo e molto impegnativo (salite e discese su sentieri spesso ripidi). Il mio ginocchio ne risente parecchio per cui cerchiamo di elaborare un percorso che ci permetta di prendere il maggior numero di lanterne facendo la minor… discesa! Già perchè il dolore al ginocchio ce l’ho in discesa, non in salita!

nirvana raid 2014 (16)

Percorriamo molti km nel bosco, un pezzo anche in uno splendido bosco magico con personaggi intagliati nel legno (in fondo una delle belle cose dei raid avventura è che vedi tanti posti dove normalmente non andresti). Oggi abbiamo un tempo limite per cui ci affrettiamo a tornare, se no ogni minuto sono delle penalità di tempo. Dopo una bella salita senza e poi con bici in spalla e un altro pezzo in mtb arriviamo al traguardo dopo altre 6 ore di gara, un totale di circa 50km e circa 2000 m di salita.

nirvana raid 2014 (03)

Io sono felicissima per averla portata a termine nonostante il ginocchio ko, ma soprattutto siamo rimasti soddisfatti dall’organizzazione che ha saputo mischiare bene l’orientamento non proprio semplice e molti cambi di sport che rendono sempre la gara avvincente.

Alla prossima!

Per info http://www.nirvanaraid.it/

Report e foto di Federica Friz

 

 

 

 

 

Permalink link a questo articolo: http://www.m6-sport.com/wp/2014/11/nirvana-raid-2014-10-04-05-report-di-federica-friz/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>